The Bluebeaters

The Bluebeaters



Social


Agente: Alessandro Ceccarelli

E-mail: cecca@bpmconcerti.com

Contatto per booking: Roberto de Luca

E-mail: r.deluca@tridentmusic.it

LIVE TOUR

06 dicembre 2019

BERLIN (D) – Punk Italia Festival

 

BIO

Il gruppo nasce nell'estate del 1993 dall'incontro tra Giuliano Palma (all'epoca cantante dei Casino Royale) e i Fratelli di Soledad, e dall'idea di formare una one night band che si esibisce poi all'Hiroshima Mon Amour di Torino il 18 marzo 1994, insieme ad altri musicisti tra cui Paolo Parpaglione, Cato Senatore, Mr. T-bone e Bunna degli Africa Unite e CountFerdi di Casino Royale. Nascono così i Blubeaters, una cover band di pezzi ska, rocksteady giamaicani e soul americani che prende il nome da Bluebeat, ovvero il primo ska prodotto dall'omonima etichetta discografica Blue Beat Records.
Tra i numerosi brani si ricordano infatti "Messico e nuvole" di Paolo Conte, portata al successo da Enzo Jannacci, "Jealous Guy" di John Lennon, "Che cosa c'è" di Gino Paoli, "Over My Shoulder" di Mike + The Mechanics, "Tutta mia la città" degli Equipe 84, "Testarda io" di Cristiano Malgioglio portata al successo da Iva Zanicchi, "State of the Nation" degli Industry, "Pensiero d'amore" di Mal dei Primitives e nel 2009, "Per una lira" di Lucio Battisti.
A fine 2012 Giuliano Palma sceglie la carriera solista dopo diciotto anni passati assieme ai The Bluebeaters. Il gruppo rinasce in soli nove mesi: accanto a Cato Senatore, De Angelo Parpaglione e Count Ferdi torna Pat Cosmo Benifei alla voce, assieme ad altri musicisti che hanno fatto parte della della grande famiglia cresciuta nei vent’anni passati.
Il 2013 e parte del 2014 sono dedicati alle date dal vivo con un nuovo singolo, "Toxic", una nuova scaletta e una formazione in continua evoluzione, che ruota attorno ai quattro membri storici.
A fine 2014 arriva la firma con Record Kicks per registrare il primo LP, con distribuzione in Italia e all’estero, registrato all'Andromeda Studio di Max Casacci (Subsonica), a Torino.
"Everybody Knows" vede la luce il 13 Aprile 2015. Il suono torna alle radici della musica giamaicana che i The Bluebeaters ormai maneggiano con originalità e stile da ventitré anni. I brani sono ancora riarrangiamenti in chiave The Bluebeaters, ma si comincia anche a lavorare su brani originali e in italiano. Il palcoscenico è tenuto saldamente dall’incredibile voce di Pat Cosmo Benifei che per la prima volta è front-man del gruppo. Sono cinque i singoli usciti, alcuni anche su vinile, con "Roll with it" e "Everybody Knows" accompagnati dai video. I progetti e le collaborazioni della band si moltiplicano: lavorano con Max Casacci, Bianco, Boom Da Bash, Lo Stato Sociale e Diego Mancino. Il tour attraversa tutta Italia - 100 concerti nell'ultimo anno e mezzo - sempre sostenuti da BPM Concerti. Il 2017 vedrà la fine del tour Everybody Knows e il ritorno in studio per il nuovo album che conterrà brani originali nati da nuove collaborazioni con giovani artisti e autori vicini alla band. Il 21 settembre (2017) è uscito in collaborazione con Garrincha Dischi (Lo Stato Sociale, Ex Otago, Punkreas ed altri) “Tempo”.

A febbraio 2018 i The Bluebeaters sono stati la band resident alla trasmissione televisiva “Dopo Festival” dal Teatro del Casinò di Sanremo. Proprio durante il festival di Sanremo sono usciti due nuovi singoli “Valentina” e “Un inverno stupendo” sempre per Garrincha Dischi.

Nello stesso anno a Settembre finito il Tour Estivo collaborano con Red Bull Italia all'Home Festival interpretando con strumenti giocattolo 4 brani di 4 artisti (Frah Quintale, Nitro Wilson, Francesca Michielin e Lo Stato Sociale); in novembre volano in Messico per la prima volta per un paio di Festival. Dopo Capodanno in Piazza Duomo a Milano, finiscono il nuovo disco di cui esce "Ancora un Giorno", singolo & video all'uscita del graphic-novel nelle sale cinematografiche ad Aprile, anticipando un nuovo Tour Estivo & il nuovo album previsto finalmente per l’autunno del 2019.”

Ancora un giorno